Il potere del colore

 

Il potere del colore è qualcosa di incredibilmente avvincente e reputo sia davvero una perdita non avventurarsi in questa ricerca. Ho incentrato molto del mio lavoro sullo studio del colore e di come un capo d’abbigliamento assumesse significati diversi cambiandone la tonalità. La sinergia tra colore e modello crea una bellezza speciale, la definirei unica, ma se manca questa sinergia, è come essere al buio davanti a un’opera d’arte.

L’età di una donna non pone nessun limite sulla scelta dei colori. Avrei molti esempi da raccontare ma non posso esimermi da citare una grande donna, Inge Feltrinelli. Amava tantissimo i colori, adorava l’arancio e il rosso in tutte le loro gamme e non ha mai smesso di portarli, con passione e stile, creando così la sua immagine, indelebile nella nostra memoria.

Suggerisco di cercare il potere terapeutico del colore e di seguire le nostre sensazioni. Se dobbiamo scegliere un cappotto evitiamo i colori  tristi e indefiniti e puntiamo direttamente, con determinazione e amore per noi stesse, su un bel Blue China, raffinatissimo, su un rosa Peonia, fonte di inesauribili sfumature una più interessante dell’altra, oppure scegliamo  un rosso lacca, dispensatore di luce e di allegria. Solamente pochi giorni fa abbiamo avuto la stupenda visione di Jane Fonda alla manifestazione di New York per il cambiamento climatico , e conseguente arresto,  con un indimenticabile cappotto lungo rosso.  Seguiamo la strada che traccia nel nostro cuore la dolcezza del viola, soprattutto unito al verde papiro e all’arancio, e non abbandoniamola. Fu il colore preferito da Yves Saint Laurent e nessuno come lui sapeva come interpretarlo e lo insegnò anche a tutte noi.

 Nei nostri giorni, dopo anni di solo nero, penso che, indistintamente dall’età ma, ancora di più se non siamo più giovanissime, dobbiamo affidarci a una moda piena di fantastiche tonalità, a pantaloni di tutte le fogge, maglioncini di tutti i tipi, cappotti e cappottini larghi, stretti, lunghi fino a terra o corti al ginocchio. Affidiamoci allo specchio: se non siamo magre evitiamo solo le cose troppo aderenti

Quindi non sarà di certo l’età a dirigere le nostre scelte ma la nostra forma fisica. In ogni caso, anche fossimo in sovrappeso, non scegliamo mai un banale cappotto nero ma sempre uno strepitoso tre quarti a trapezio…. magari in un affascinante color smeraldo.


Leave a Reply

*